La Costituzione è una cosa da grandi

1 year 3 Views
Category:
Description:

E' figlia della Resistenza. E' stata concepita nel 1948 da 556 eletti del popolo italiano, molte delle menti migliori del paese, donne e uomini di diversi orientamenti (comunisti e democristiani, liberali e socialisti, azionisti e repubblicani, credenti e non) dopo 18 mesi di lavoro. Nella legislatura appena conclusa 4 "saggi", riuniti per pochi giorni in una baita di montagna, tra un piatto di polenta e un bicchiere di vino, hanno elaborato il progetto di riforma di 53 articoli della Costituzione. Questa revisione nasce da un potere arrogante che si alimenta di servilismo e mescola pseudofederalismo a populismo. E' il frutto avvelenato di un baratto tra i partiti del centrodestra, orchestrato da uomini "piccoli", incapaci di qualsiasi grandezza intellettuale e morale. Hanno giocato il ruolo degli architetti della "nuova" Costituzione. Come bambini che giocano sulla spiaggia. Il 25 giugno si sceglie tra due sistemi opposti: quello della Costituzione vigente, che prevede una democrazia pluralista, in cui libertà e uguaglianza si fondono in un'idea di stato fondato su regole uguali per tutti, senza che prevalgano rapporti di forza a vantaggio di qualcuno e quello della "nuova" Costituzione, una "riforma" eversiva che fa precipitare le istituzioni nel caos minando le fondamenta della convivenza del popolo italiano. Due sistemi molto lontani, come molto lontane sono state le strade percorse per arrivarci. Quale dei due è meglio? "Il sovrapporsi e il saldarsi della volontà dell'esecutivo con quella di un parlamento sottomesso,determina la fine della democrazia e la tirannia della maggioranza." Alexander Hamilton (1787) "Dietro ogni articolo della Costituzione bisogna vedere i giovani che hanno dato la vita affinché Libertà e Giustizia potessero essere scritte sulla Carta Costituzionale." Piero Calmandrei credits interprete: davide bini regia: marco pozzi fotografia: alessio viola montaggio: giorgio neri musica: claudio pelissero suono: francesco gaudesi aiutoregista: simone bianchi location manager: alessandro parente voce mamma: chiara becherini voce bimbo: alessandro ravasio